Perchè è importante valutare il colesterolo?

La presenza di alti valori per periodi di tempo molto lunghi favorisce l'aterosclerosi delle arterie, cioè, usando termini non medici, l'indurimento delle arterie, la comparsa di incrostazioni all'interno di esse e la possibilità di formazione di trombi. Se un'arteria si chiude, la parte del corpo che viene da essa nutrita può morire. Se l'arteria è una coronaria (le arterie del cuore) si può avere un infarto cardiaco, se l'arteria porta sangue al cervello si può avere un ictus.

Disclaimer. Questo sito web propone contenuti a scopo informativo e di prevenzione e, in nessun caso, tali contenuti possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica e il rapporto diretto con il medico.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Dislipidemia e alimentazione
08/02/2015 - 15:37

Gli alimenti concessi sono:

  • carni bianche ( pollo, tacchino, petto di faraona, agnello, coniglio ),
  • tutti i tipi di pesce magri ( per esempio merluzzo, sogliola, orata ),
  • latte scremato, yogurt, ricotta,
  • pane integrale, grissini, fette biscott
Il cuore delle donne
05/02/2015 - 18:28

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte nelle donne italiane: 43.8% dei decessi circa.
La cardiopatia ischemica è la principale causa di morte cardiovascolare nelle donne < 75 anni.

Dislipidemia
07/02/2015 - 23:30

Nei pazienti con ASCVD ad alto rischio per la coesistenza di più fattori di rischio CV, per un pregresso evento coronarico o cerebrovascolare o per la presenza di una sindrome coronarica acuta si ritiene “ragionevole” un target di C-LDL <70 mg/dl.

Aterosclerosi
12/03/2015 - 09:07

Che cos’è l’aterosclerosi?

L’aterosclerosi è la più frequente patologia delle arterie ed è caratterizzata da depositi di grassi, infiammazione, fibrosi e calcificazione nella parete vascolare. Le placche aterosclerotiche sono le tipiche lesioni di questa patologia.

12/03/2015 - 09:03

L’insufficienza cardiaca rappresenta la principale causa di ospedalizzazione in soggetti di età ≥ 65 anni negli Stati Uniti e, a differenza di altre complicanze della malattia ipertensiva, la sua prevalenza è andata crescendo nel corso degli ultimi 30 anni.