Sana alimentazione

E' noto che per le malattie cardiovascolari, così come per molte altre patologie, la prevenzione e la cura passano anche attraverso una sana alimentazione che è considerata uno dei cardini della prevenzione. Purtroppo però oggi è sempre più difficile seguire le sane abitudini a tavola a causa dei ritmi frenetici delle nostre giornate. Spesso, quando si torna a casa, si bada solamente a mettere qualcosa di veloce sotto i denti senza assicurarsi che sia salutare per il nostro organismo. Per noi è importante insegnare le caratteristiche degli alimenti e le regole di buon utilizzo che possono aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari attraverso gustose ricette e consigli pratici da mettere in atto tutti i giorni.

QUALI ALIMENTI PREFERIRE?

Pesce. E' un alimento sano, altamente consigliato e dovrebbe essere consumato almeno 2-3 volte la settimana. Contiene acidi grassi polinsaturi omega 3, presenti soprattutto nel pesce azzurro. Gli acidi grassi insaturi, di origine prevalentemente vegetale, hanno un effetto protettivo sul nostro organismo in quanto riducono il rischio di ipercolesterolemia, aterosclerosi e malattie cardiovascolari.

Cereali e legumi. I cereali sono utili al nostro organismo soprattutto se poco raffinati (pasta e pane integrali, orzo, farro), fanno parte della nostra tradizione alimentare e vanno consumati regolarmente. I legumi (fagioli, piselli, ceci etc.) definiti come la carne dei poveri, sono un'ottima fonte di proteine e possono essere consumati con assoluta tranquillità.

Verdura. Da consumare ad ogni pasto, cruda o cotta (bisogna però considerare che con la cottura si perdono buona parte dei minerali e delle vitamine). La fibra, di cui la verdura è ricca, aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo, aiuta l'intestino a funzionare bene e contribuisce a farci sentire sazi più a lungo. Colorate la vostra tavola con i colori della bandiera italiana (verdure bianche, rosse e verdi) e sarete sicuri di mangiare tutte le vitamine e tutti i minerali di cui avete bisogno!

Frutta. Come per la verdura, anche la frutta può essere consumata in abbondanza preferendo sempre quella fresca di stagione. Se avete problemi di peso, di diabete o di iperuricemia, vi consigliamo di limitare la frutta più zuccherina, come ad esempio banane, cachi, fichi, uva.

GLI ALIMENTI DA CONSUMARE CON ATTENZIONE O EVITARE

Latte e latticini. Sono un'ottima fonte di calcio per le nostre ossa, ma possono anche essere molto ricchi di grassi dannosi per il nostro cuore. Se nella vostra spesa non possono mancare, consigliamo di scegliere i latticini scremati, come ad esempio latte scremato o parzialmente scremato, yogurt magro, anche aromatizzato alla frutta, etc.

Formaggi. Hanno tutti un elevato contenuto in grassi. Il loro consumo va limitato a 1 o 2 volte la settimana preferendo quelli più freschi (ossia più ricchi in acqua e meno in grassi) quali mozzarella di vacca, crescenza, ricotta, caciotta fresca  a scamorza.

Carne. E' ricca di proteine, ma in alcuni casi anche di grassi. Le carni rosse (vitellone, manzo, cavallo) sono le meno consigliabili, da mangiarsi una volta la settimana). Le carni bianche (coniglio, pollo e tacchino senza pelle, vitello) sono più consigliate e possono essere mangiate anche più volte la settimana. Le carni conservate (salumi, insaccati, carni affumicate) sono molto ricche in sodio e il loro consumo va ridotto al massimo ad 1 volta alla settimana; fra gli insaccati, è bene comunque preferire quelli magri, con bresaola, prosciutto crudo senza grassi e speck.

Uova. Il rosso (tuorlo) delle uova contiene un elevato contenuto di colesterolo, quindi attenzione! L'albume è invece completamente privo di colesterolo e può essere usato liberamente.

I CONDIMENTI

Gli oli e i grassi. L'olio di oliva (meglio se extravergine) è il condimento da preferire. Andrebbe consumato in quantità limitate (3-5 cucchiai al giorno) e il più possibile a crudo. Va invece drasticamente limitato il consumo di burro e panna, ricchi in acidi grassi saturi, quindi molto nocivi per le nostre arterie. Devono invece essere completamente evitate le margarine, ricche di grassi (anche se vegetali) idrogenati, veri killer per le nostre arterie (a proposito, leggete le etichette: vedrete come sono largamente utilizzate nei prodotti industriali!), l'olio di palma e l'olio di cocco.

Il sale. Deve essere utilizzato con parsimonia soprattutto se si soffre di ipertensione arteriosa. Ricordiamo che sono molto ricchi di sodio i dadi da brodo, i salumi, i formaggi e, in generale, gli alimenti conservati. Per ridurre il sale, sia durante la cottura che il consumo, può essere utile imparare a sostituirlo con spezie ed erbe aromatiche. Tali indicazioni sono particolarmente importanti se si tiene in considerazione, ad esempio, che secondo uno studio americano ogni anno 2,3 milioni di decessi al mondo sarebbero riconducibili al consumo eccessivo di sale. A consumare troppo sale è oltre la metà della popolazione mondiale: il 65% degli individui ne consuma quasi il doppio della dose giornaliera raccomandata (2 grammi). Gli italiani sono fra i consumatori più accaniti, infatti da un precedente studio è emerso che l'Italia è uno tra i Paesi che consumano più sale al mondo; in Europa pochissimi Paesi si comportano peggio di noi (ad esempio l'Ungheria). La media di consumo di un italiano è 18.8 grammi al dì, 12 per i maschi, 10 circa per le donne. Per vivere basterebbe un grammo al dì e l'OMS raccomanda di mantenersi su un consumo giornaliero di meno di due grammi. Gli esperti di Boston hanno passato in rassegna numerosi lavori e incrociato milioni di dati su un consumo di sale e eventi cardiovascolari con esito fatale. Così hanno calcolato che il 15% di tutte le morti per cause cardiovascolari, ovvero qualcosa come 2,3 milioni di decessi l'anno (dati 2010) sono riconducubuku al consumo eccessivo di sale.

 

Disclaimer. Questo sito web propone contenuti a scopo informativo e di prevenzione e, in nessun caso, tali contenuti possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica e il rapporto diretto con il medico.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Dislipidemia e alimentazione
08/02/2015 - 15:37

Gli alimenti concessi sono:

  • carni bianche ( pollo, tacchino, petto di faraona, agnello, coniglio ),
  • tutti i tipi di pesce magri ( per esempio merluzzo, sogliola, orata ),
  • latte scremato, yogurt, ricotta,
  • pane integrale, grissini, fette biscott
08/02/2015 - 15:41

Camminare ogni giorno è la forma di esercizio fisico più pratica per la maggior parte degli individui. Cammina almeno 1 Km 1/2 al giorno.

fumo
25/01/2015 - 12:17

Quando si accende una sigaretta si liberano almeno 4000 componenti.

stop al fumo
25/01/2015 - 12:14

Non è mai troppo tardi per smettere di fumare. Smettere di fumare a qualsiasi età aiuta la tua circolazione e migliora la tua salute.

Quanta fatica fare
08/02/2015 - 15:08

La fatica o intensità di esercizio dipende dallo stato di allenamento della persona. Si consiglia un'attività di tipo moderato (si riesce a parlare mentre la si sta eseguendo) persone non allenate devono partire a fare attività in modo graduale sino ad arrivare all'intensità consigliata.