Vitamina D e rischio cardiovascolare

La carenza di vitamina D si ricontra in circa il 30-50% della popolazione generale. Le evidenze scientifiche a supporto del legame fra vitamina D e sistema cardiovascolare sono, ormai, assodate per molteplici aspetti. la carenza di vitamina D, infatti, comporta un 'attivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone in grado di predisporre all'ipertensione arteriosa e all'ipertrofia ventricolare sinistra cardiaca. Inoltre, tale carenza può associarsi, tramite attivazione ormonale, a diabete e altre patologie e determinare uno stato infiammatorio sistemico cronico favorente le patologie cardiovascolari.
Per questo motivo nel nostro centro dosiamo la 25 OH Vit D ed eseguiamo ai soggetti con deficit importante esami strumentali per lo studio della rigidità arteriosa cercando di effettuare un accurato monitoraggio dei livelli sierici e correggendone la carenza al fine di ottimizzare la funzionalità dell'apparato muscolo-scheletrico, dell'apparato cardiovascolare nonché lo stato di salute generale.

Disclaimer. Questo sito web propone contenuti a scopo informativo e di prevenzione e, in nessun caso, tali contenuti possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica e il rapporto diretto con il medico.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Iperuricemia
08/02/2015 - 15:33

L’iperuricemia è un problema metabolico che sta aumentando nel mondo da alcuni anni.

Disfunzione erettile
08/02/2015 - 15:43

Cosa è la disfunzione erettile ?

E’ l’incapacità di raggiungere e/o mantenere un’erezione sufficiente a condurre un rapporto sessuale soddisfacente la cui prevalenza nella popolazione generale è difficile da stimare per la disomogeneità dei risultati dei diversi studi.

12/03/2015 - 09:06

L’autoimmunità è causa di diverse malattie croniche che, considerate nel loro insieme, interessano la donna in percentuale tre volte superiore rispetto a quella dell’uomo.